mercoledì 17 settembre 2014

La scelta Enna o Catania Oggi con il consigliere Alberghina

martedì 16 settembre 2014

Il saggio anonimo

Il fattaccio e' uno solo: i manifesti dei partiti invitano a votare SI, ma gli uomini (!) Che li rappresentano invitano a non votare rimanendo a casa. Capito? Il piazzese perde il pelo ma non il vizio. E quindi? Conferma di essere " babbu ciacces".

Inviato da iPhone di Agostino Sella

Roberto Palermo: Piazza. Antiracket: "Mi si presentò uno pseudo amico e rifiutai, dissi di no"

http://robertpalermo.blogspot.com/2014/09/piazza-antiracket-mi-si-presento-uno.html


Inviato da iPhone di Agostino Sella

lunedì 15 settembre 2014

Il PSI invita a votare SI al referendum per l'adesione al consorzio di Catania. "Non sprechiamo questa opportunità per il cambiamento"


Mancano pochi giorni alla data del 21/09/14, giorno in cui si potranno e si dovranno decidere le sorti del nostro futuro.
Di fatto si dovrà votare per decidere se Piazza Armerina restare con Enna o se aderire al consorzio di Catania.

Una scelta importante che, così come ha voluto la nostra amministrazione, ricade sul volere dei cittadini. E' ora di smetterla di lamentarsi nei bar e per le strade.

5 anni fa moriva Salvatore Roccaverde. Voglio ricordarlo con quello che io e tante altre persone abbiamo scritto per lui il giorno della sua morte.

Agostino Sella: E' morto Salvatore Roccaverde, il "direttore". Uom...:

Questa mattina, intorno alle 8, è morto Salvatore Roccaverde. Se la coerenza avesse nome e cognome si chiamerebbe proprio come lui: Salvator...

LEGGI TUTTO

sabato 13 settembre 2014

Fucilate contro il comune di Aidone. Solidarietà ad Enzo Lacchiana

(ANSA) - AIDONE (ENNA), 13 SET - Due colpi di fucile caricato a pallini sono stati sparati all'alba contro il Municipio di Aidone-Morgantina, nell'Ennese. Uno ha centrato il portone d'ingresso, l'altro ha mandato in frantumi la finestra dell'ufficio del sindaco, Vincenzo Lacchiana. Sull'episodio indagano i carabinieri del comando provinciale di Enna.

Inviato da iPhone di Agostino Sella

"Una scommessa per il Palio", consegnati i rimborsi spesa ai cavalieri giostranti del Palio.

Venerdì 12 settembre alle ore 19:00 presso i locali del Circolo di Cultura di Palazzo di Città, ha avuto luogo la consegna del “rimborso spese” ai 24 cavalieri giostranti del Palio dei Normanni.

L’iniziativa promossa dei 4 comitati dei quartieri storici della città di Piazza Armerina, ed avviata il 10 luglio scorso, aveva previsto una libera sottoscrizione di raccolta fondi per garantire il rimborso spese ai 24 cavalieri giostranti del Palio dei Normanni, che rappresentano i Quartieri nella Quintana del Saraceno.


LEGGI TUTTO: www.quartieremonte.com
 

giovedì 11 settembre 2014

Giovani Piazzesi: Miroddi è immobile, qual piuma al vento?

Giovani Piazzesi: Miroddi è immobile, qual piuma al vento?: Cosa manca a questa amministrazione? Probabilmente molti si pongono questo quesito ed ognuno cerca di darsi una risposta come meglio può, ...

Cinque motivi per dire SI al referendum di giorno 21 per aderire al libero consorzio di Comuni di Catania

  1. Contrada Budonetto, Camemi, Elsa, Ciavarini, Rasalgone, Gallinica, Toscano … hanno fatto la storia e la ricchezza della città di Piazza Armerina: sono contrade che si estendono tra l'est e l'ovest, tutte confinano con il territorio del catanese e del nisseno.La prosperità di Piazza Armerina è nata e nasce da lì. È lì lo sviluppo economico. A nord, Dittaino parla da sola: cattedrale nel deserto, frutto della politica di pochi, utile solo a foraggiare politiche clientelari e a sperperare denari; i grossi centri commerciali, anch'essi frutto di una politica miope - speriamo che sia solo questo - hanno devastato l'economia, determinando la chiusura delle piccole attività trasformando le città in dormitori.

"La scelta" Enna O Catania? Confronto tra Teodoro Ribilotta e Rita Marotta

Comitato Pro Refendum. Murella prepara i comizi

mercoledì 10 settembre 2014

Presentazione Associazione Antiracket ed Antiusura di Piazza Armerina.

dal sito della Prefettura di Enna
Venerdì 12 settembre p.v. alle ore 12,00, presso il Teatro Garibaldi di Piazza Armerina si terrà un incontro per la presentazione dell'Associazione Antiracket di quel centro.
All'evento, che verrà introdotto dal Sindaco di Piazza Armerina Filippo Miroddi, oltre al Prefetto di Enna Fernando Guida, interverranno il Commissario straordinario per il coordinamento delle iniziative antiracket ed antiusura Prefetto Santi Giuffrè, il Sostituto Procuratore Generale della Corte d'Appello di Caltanissetta Fernando Asaro in rappresentanza del Procuratore Generale Santi Consolo, il Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Enna Calogero Ferrotti, il Presidente onorario della F.A.I. Tano Grasso, il Presidente della F.A.I., Pippo Scandurra, il Presidente dell'Associazione Antiracket di Piazza Armerina, Antonino Romano ed il Presidente dell'Associazione Antiracket "G. Giordano" di Gela e coordinatore con delega F.A.I., Renzo Caponetti.

Patto per la città. "Grave presa di posizione della SRR Ato Caltanissetta Sud s.p.a

Comunicato stampa

Riteniamo gravissima la presa di posizione della SRR Ato Caltanissetta Sud s.p.a. messa in atto durante l'assemblea svoltasi ieri a Gela nei confronti della nostra città, dove il sindaco Angelo Fasulo ha chiesto l'esclusione del nostro comune dalla SRR a causa dei 48 lavoratori provenienti dalla vecchia gestione e minacciando che se perdurerà questa situazione avvierà le procedure di scioglimento della stessa.
E' ovvio che non resteremo impassibili difronte a tentativi scellerati di sopruso nei confronti di Piazza Armerina.
Condividiamo la rabbia del nostro sindaco a cui rinnoviamo la nostra fiducia e piena collaborazione.

martedì 9 settembre 2014

Presentazione di un libro su Papa Francesco: “Non guardate la Vita dal Balcone…”

Papa Francesco, testimone di speranza
Museo Diocesano
Piazza Armerina(EN)
Venerdi 26/09/2014 
ore 18:00
Presentazione del libro
“Non guardate la Vita dal Balcone…” 
INTERVERRANNO
il Vescovo Mons. Rosario Gisana
l’autrice Alessandra Ferraro
Vice Capo Redattore sede RAI di Aosta

INFO: Carmelo Nicoloso cell. 3392482300

BARRAFRANCA: i Carabinieri arrestano due pregiudicati.

Legione Carabinieri Sicilia
Compagnia di Piazza Armerina
COMUNICATO STAMPA
I Carabinieri della Stazione di Barrafranca, comandata interinalmente dal Maresciallo Ordinario COSTIGLIOLA Guido Maria e dipendenti dalla Compagnia Carabinieri di Piazza Armerina, continuano la loro costante attività di controllo del difficile territorio, dove l’Arma è l’unico presidio della Forze dell’Ordine.

sabato 6 settembre 2014

Rifiuti a Piazza Armerina, parte la rivoluzione sulla raccolta

di ROBERTO PALERMO
PIAZZA ARMERINA. La città dei mosaici verrà divisa in 8 zone per la raccolta differenziata, tutti i cassonetti spariranno, 10 operatori ecologici saranno destinati con ordini di servizio a spazzare le strade, i netturbini che non vorranno stipulare il contratto saranno subito sostituiti da nuove assunzioni.

Lidia Di Gangi dirigerà l'Istituto Tecnico

Con grande piacere rendo noto che Lidia Di Gangi, dirigente del Liceo Classico-Scientifico è stata chiamata a dirigere anche l'Istituto Tecnico Industriale della nostra Città.
Sono certo che Lidia Di Gangi, apprezzata per le sue qualità umane e professionali, saprà dare un nuovo corso nella gestione di questa scuola, una vera e propria ventata di aria nuova e pulita per elevare il livello di qualità ed efficienza del servizio scolastico nell'esclusivo interesse dei 630 giovani che frequentano l'istituto, un tempo scuola di grande prestigio a livello regionale e nazionale.

PIAZZA ARMERINA IL PALIO DEI NORMANNI (LA QUINTANA DEL SARACENO)

PIAZZA ARMERINA IL PALIO DEI NORMANNI LA CONSEGNA DELLE CHIAVI

giovedì 4 settembre 2014

Comunicato CSA sulla problematica dell’igiene ambientale

In questi giorni si sta chiudendo la "partita" molto delicata del passaggio del personale della "Sicilia Ambiente" alla "Tecra", e, quindi in parallelo, stanno emergendo, in tutta la loro eclatanza e la loro gravità, tutte le magagne e le negligenze del sistema degli ATO con la proposizione di una nuova invenzione del sistema politico- clientelare: le SRR. Naturalmente tutte le figure istituzionali quali i sindaci, i consigli comunali, i prefetti, i commissari delle province, i commissari liquidatori, in maggiore o minore misura,  sono coinvolti. Ma la cosa più bella e grottesca al tempo stesso che tutti stanno facendo i conti senza l'oste, in quanto si sono fatte innumerevoli riunioni, ufficiali e non, si sono attivati tavoli tecnici, sono stati organizzati tanti incontri, ma mai a nessuno è venuto in mente che alle trattative deve essere convocata la scrivente O.S. in quanto firmataria di contratto nazionale di settore. Tanti bla bla inutili  e tanto tempo perso in quanto gli enti e le amministrazioni coinvolte in questo "giochetto" gestionale e politico e non solo, devono, pena l'intervento degli organi giuridici istituzionali  preposti all'osservanza della regolarità e della legittimità degli atti amministrativi propedeutici ed esitativi, convocare i delegati di questa O.S. Pertanto la presente comunicazione viene trasmessa per sollecitare la immediata convocazione al tavolo ufficiale delle trattative riguardanti sia  il passaggio del personale dalla vecchia gestione alla nuova sia la ridiscussione di tutte le sfaccettature e le problematiche inerenti alla parte più squisitamente tecnico-contrattuale oltreché giuridico-retributiva. Tanti comuni hanno nicchiato, hanno preso tempo, hanno fatto mancare il numero legale nelle riunioni passate, hanno dimostrato la grande disarmonia e la grave disunione che li caratterizza "aiutati" in questo anche e specialmente dalla   confusione, tensione e incertezza ingenerate dalla Regione che ha lasciato allo sbaraglio tutte le componenti sociali e amministrative di questo ingarbugliato puzzle. Il problema è che queste problematiche si giocano e si estrapolano sulla pelle dei lavoratori che sono all'oscuro del loro destino occupazionale, per non parlare della sottile perfidia contenute in quelle velate ed ermetiche minacce di licenziamento se non si firma un contratto che nessuno ha discusso o ha mai visto. In pratica si chiede ai lavoratori di firmare una cambiale in bianco e di tacere. Si prende la scusa che il problema degli operatori amministrativi diventa un ostacolo insormontabile per la determinazione finale e decisionale sull'attivazione del nuovo sistema, facendo finta di non conoscere la precisa direttiva dell'assessorato regionale dell'ambiente che, in occasione di un quesito posto dalla società  Joniambiente sulle modalità di utilizzazione del personale amministrativo e tecnico. La Joniambiente, infatti, in questi anni si è avvalsa della professionalità di 12 unità lavorative provenienti dai Comuni. La risposta della Regione è stata precisa. Riprendendo il quesito della Joniambiente, il Dipartimento regionale, infatti, ha diffidato «la Srr Catania provincia nord a completare tutti gli atti di propria competenza al fine di dare concreto avvio operativo alla società di regolamentazione dei rifiuti e permettere un celere passaggio al nuovo sistema di gestione dei rifiuti». Pertanto che i comuni si diano una mossa e attivino immediatamente tutte le procedure atte all'assorbimento di tutto il personale della vecchia gestione che deve transitare nella SRR che è l'unica forma societaria riconosciuta come terminale gestionale e amministrativo del servizio di igiene ambientale. Dopo avere chiarito questo dilemma, tutto il resto sarà conseguenziale.

Il coordinatore provinciale CSA

Luigi Bascetta


TUTTI GLI ARTICOLI