domenica 12 novembre 2017

La politica dei respingimenti non è realizzabile. Occorre dire la verità agli italiani. Intervento al convegno Meriti e Bisogni 2.0

sabato 28 ottobre 2017

Musica e degustazione al Cinema Giò Social House

Martedì 31 ottobre presso il cineteatro Giò Social House grande evento musicale con i ColorIndaco e la band Migrant Music Drums e la degustazione di piatti tipici di Sicilia, Senegal, Nigeria e Gambia. 

L'evento fa parte del programma Profumi e Sapori d'Autunno. 

Ingresso gratuito a partire dalle 20.30.

Cinema Giò Social House, via Garibaldi 63
Piazza Armerina (EN)

Edizione del giornale Das News sui progetti di sviluppo in nome di legalità ed integrazione

Primo numero del giornale Das News dedicato a progetti di sviluppo dell'Associazione Don Bosco 2000:

  • "Sud - Arte & Design", un progetto di rilancio dell'economia locale in nome dell'integrazione e della legalità a Villarosa; 
  • "Progetto Senegal", per la cooperazione allo sviluppo dell'imprenditoria locale nella regione senegalese di Tambacounda. 
All'interno del giornale anche interviste ai protagonisti dei due progetti e la rubrica "Il punto sulla legalità" per riflettere sull'importanza del riutilizzo sociale dei beni confiscati. 
 

 

 

 


 




giovedì 26 ottobre 2017

Inaugurazione di "Sud - Arte & Design": legalità ed integrazione per rilanciare l'economia a Villarosa

Al via "Sud - Arte & Design", il progetto di start-up di imprenditoria artigianale a Villarosa realizzato dall'Associazione Don Bosco 2000 con il sostegno di Fondazione con il Sud in partenariato con il D.A.S. (Distretto di Azione Solidale), Confcooperative Sicilia, lìAssociazione Culturale Bellarrosa e il Comune di Villarosa.

Il progetto prevede l’avvio di un’attività di produzione artigianale gestita da giovani disoccupati villarosani e giovani migranti in accoglienza nei beni confiscati gestiti dall’Associazione Don Bosco 2000 a Villarosa. 

Migranti e villarosani per rilanciare l'economa locale in un progetto di sostegno all'economia del territorio, con attenzione alle tematiche della legalità e dell'integrazione. 

Giovedì 26 ottobre alle 19.00, musica, degustazione ed intrattenimento. 

venerdì 13 ottobre 2017

Raccolta fondi per sostenere l'istruzione dei giovani migranti

DIAMO LORO RETTA è la campagna di raccolta fondi che permette ai giovani migranti di continuare a studiare, sostenendo le rette scolastiche. Un piccolo contributo può raggiungere grandi risultati. Guarda il video di Don Domenico e Suor Antonella che illustrano la campagna. #diamolororetta Visita il sito e contribuisci con un clic al pagamento della retta scolastica: un giorno, un mese, un anno di retta per dare un'opportunità di crescita ed integrazione ai giovani migranti. www.diamolororetta.it

mercoledì 4 ottobre 2017

Terza missione Don Bosco 2000 - Senegal

Mercoledì 4 settembre 2017
Dopo 10 ore di volo, 10 di auto e 3 fusi orari (Roma, Istambul e Dakar) siamo arrivati a Tambacounda nel cuore del Senegal. . Siamo venuti per la terza volta per aiutarli a casa loro. Molti, troppi, forse quasi tutto lo dicono. Noi stiamo provando a farlo concretamente. Abbiamo passato decine di villaggi lungo la strada principale dello stato. Siamo nella stagione delle piogge ed in mattinata, tra Dakar e Kaolack abbiamo rischiato di uscire fuoristrada. Mangiucchiando arachidi e banane in serata ci ha accolto Seny che da settembre è rimasto per prepararci la strada ai corsi che cominceranno domani.

DIAMO LORO RETTA: raccolta fondi per sostenere l'istruzione dei migranti



Al via la campagna DIAMO LORO RETTA promossa dall'Associazione Don Bosco 2000. La raccolta fondi permetterà ai giovani migranti di continuare a studiare, sostenendo più facilmente le rette scolastiche. 

Visita la pagina ufficiale della raccolta fondi e contribuisci con un clic al pagamento della retta scolastica e dare un'opportunità di istruzione ai giovani migranti in accoglienza nei nostri centri. 



martedì 3 ottobre 2017

Sono nelle loro mani...

Al via il terzo viaggio in Senegal

 Oggi parte la terza missione dell’associazione Don Bosco 2000 per realizzare progetti di sviluppo nei paesi da cui partono i migranti. Realizzeremo nella regione di Tambacounda, nel cuore dell’Africa nera all’interno del Senegal, un progetto di sviluppo locale composto da due corsi compatti e successive start-up d’impresa. Si realizzeranno orti attraverso metodi moderni e percorsi di turismo sostenibile. Il progetto sarà concretamente gestito dai ragazzi potenziali migranti. A coordinare il progetto è Seny Diallo, un migrante venuto dal Senegal, accolto presso l’associazione per cui poi ha lavorato come mediatore presso il centro di Aidone. Ora Seny torna nel suo villaggio perché crede che partire oggi dal Senegal significhi morire nel deserto o in Libia. L’azione è portata avanti dall’Associazione Don Bosco 2000 in partnership con la ONG Coopermondo, all’interno di un progetto finanziato da un progetto del Ministero dell’Interno denominato PONTI. Inoltre l’azione verrà svolta in concomitanza con i progetti del VIS (Volontariato Internazionale per lo Sviluppo) che recentemente proprio nella regione di Tambacounda ha svolto un progetto finanziato dall’AICS (Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo). Le sinergie tra le varie associazioni che si occupano di cooperazione allo sviluppo nei paesi di provenienza dei migranti rappresenta la vera forza di progetti che realmente sostengono i giovani nei paesi di origine.

“Nel primo viaggio in Senegal nel 2016 – dichiara il presidente dell’associazione Arch Agostino Sella - è stata una missione esplorativa in cui abbiamo preso contatto con le realtà imprenditoriali del territorio di Tambacounda. Abbiamo siglato accordi di partenariato e protocolli d’intesa e parallelamente abbiamo conosciuto le esigenze del territorio. Abbiamo parlato con i giovani in procinto di partire per l’Europa”. Nel secondo viaggio di qualche settimana fa, si sono concretizzati interventi per individuare una sede operativa e per avviare i corsi di formazione che partiranno questa settimana. Ora è tutto pronto per questa ulteriore sfida dell’associazione, che non solo avvierà attività imprenditoriali in Senegal, in una delle regioni da cui partono moltissimi dei migranti, ma svolgerà azioni concrete di sensibilizzazione sui rischi e pericoli del viaggio per l’Europa. 



martedì 19 settembre 2017

Una quota dei finanziamenti per i migranti utilizzata per sostenere le famiglie in situazioni di disagio economico

Una quota del finanziamento SPRAR per i migranti è stata destinata al sostegno delle famiglie economicamente disagiate a Piazza Armerina. È un segnale di forte senso di responsabilità e collaborazione tra le istituzioni che gestiscono l'accoglienza dei migranti e che non dimenticano le situazioni di difficoltà in cui versano alcune famiglie. Si tratta della somma di €27.289 che sono state impegnate per il cosiddetto assegno civico, a sostegno delle famiglie in condizioni di rischio di marginalità sociale. Una ulteriore somma di €500 è stata inoltre destinata ad ulteriori 4 cittadini con un reddito inferiore alla soglia di povertà. 

martedì 12 settembre 2017

Don Bosco 2000 in Senegal: reportage integrale di Rainews

La troupe di Rainews ci ha accompagnato nel viaggio in Senegal, uno dei paesi dell'Africa sub sahariana dal quale partono i migranti per l'Europa e dove, attraverso progetti di sviluppo, si può provare a ridurre i flussi. Insieme a Seny Diallo, uno dei nostri ospiti del centro di Villarosa a Enna che ora lì fa mediatore culturale, stiamo avviando un progetto di impresa per coinvolgere i giovani della regione di Tambacounda, a sud est di Dakar, a restare a casa loro a per godere di quello che la loro terra può offrire nell'agricoltura e per imparare a far fruttare le loro potenzialità imprenditoriali nell'artigianato locale. Un viaggio che parte dalle cause delle migrazioni economiche che possono essere risolte "a casa loro" con l'uso razionale e controllato dei fondi per l'Africa. Un viaggio ricco di emozioni, suggestioni e anche di imprevisti.


domenica 3 settembre 2017

L'Associazione Don Bosco 2000 in Senegal: la diretta su RAINEWS24

https://youtu.be/m6UMM0UuM74


Inviato da iPhone di Agostino Sella

Mario Noto con Don Bosco 2000 a Kaolak in Senegal

Don Bosco 2000 in Senegal per sostenere lo sviluppo locale

La missione dell'associazione Don Bosco 2000 in Senegal.  Appena arrivata, la delegazione dell'associazione è stata accolta dalla troupe di RAINEWS24. Due gli obiettivi del viaggio: 1. portare avanti il progetto di cooperazione allo sviluppo per sostenere le attività dei senegalesi nel loro paese; 2. informare i giovani senegalesi dei grandissimi rischi del viaggio verso l'Europa. Perchè se sul fronte siciliano l'associazione lavora per l'accoglienza e l'integrazione dei migranti, sul fronte africano c'è tanto da fare. Nel video, il presidente Agostino Sella e il mediatore Seny.


domenica 27 agosto 2017

Vedere tutto, passar sopra a molte cose, correggerne poche

La migrazione è un fenomeno inarrestabile. E' una risorsa nonostante "i costruttori di odio"




Alcune riflessioni sui temi della migrazione per cercare di fare un minimo di sintesi rispetto quanto succede in questi giorni.
Un fenomeno complesso e storico che dobbiamo avere la forza e la capacità di governare.
Se non lo faremo torneremo indietro nel tempo, con risvolti devastanti per noi e per la storia.

Il vescovo Gisana: Il sogno di questa fratellanza universale, ravvisabile nell’eccedenza dei numerosi esodi, sia per tutti noi occasione di scuotimento delle nostre coscienze, intorpidite da visioni aberranti che guardano all’altro con mentalità ostile e sospettosa".

Benedizione alla Città e alla Diocesi per Maria SS. delle Vittorie 2017

O vergine madre, Maria Santissima delle Vittorie, ti affidiamo questa città e questa diocesi che ti riconoscono patrona e custode. Ogni singolo cittadino, dal più piccolo al più grande, possa sentire i benefici di tale invocazione. Anche se le richieste, numerose, possano dare adito a bisogni contingenti, reali ed opportuni, non tralasciare di mediare per tutti la sublime conoscenza del figlio tuo, il Verbo incarnato. Soggiogati infatti dall’urgenza delle nostre domande, non ci curiamo sovente dell’essenziale, di ciò che realmente genererebbe in noi creatività e spirito di iniziativa. Sappiamo che l’incontro con il Signore, quel Gesù che tu hai concepito per la nostra redenzione, darebbe alla nostra vita un rilancio straordinario: egli sarebbe maestro di un vangelo che non si esaurisce nelle pratiche di una religiosità civile e clericale.

Saviano: 'Smonto 10 bufale sui migranti'

I migranti ricevono 35 euro dallo Stato, le cooperative che gestiscono l'accoglienza hanno legami con le mafie, i migranti fanno la bella vita... http://video.repubblica.it/dossier/immigrati-2015/saviano-smonto-10-bufale-sui-migranti/283341/283956


Inviato da iPhone di Agostino Sella

giovedì 10 agosto 2017

Giovedì 10 agosto flashmob #difendiamo i nostri boschi

Un flash mob per incontrarsi e ribadire il valore dei nostri boschi per la nostra comunità e per le generazioni future. Per denunziare un attacco criminale. Per continuare a sperare.

mercoledì 19 luglio 2017

Il progetto "ORTO SOCIALE" a Villarosa


Si raccolgono i primi frutti a poche settimane dall'avvio del progetto "Orti Sociali" che vede i migranti ospiti del centro SPRAR dell'associazione Don Bosco 2000 impegnati nella valorizzazione delle risorse agricole nel territorio di Villarosa. 




Il progetto è stato segnalato dalla relazione annuale SPRAR 2016 del Ministero dell'Interno come una buona prassi delle politiche dell'accoglienza migranti. 

 

«Amoris Laetitia» a casa di Agostino - VinoNuovo.it

http://www.vinonuovo.it/index.php?l=it&art=2732


Inviato da iPhone di Agostino Sella

lunedì 17 luglio 2017

Comunicato dell'associazione Don Bosco 2000 in merito agli atti vandalici dei giorni scorsi

Considerati gli eventi che stanno accadendo in queste ultime settimane nel territorio di Piazza Armerina e visti gli spiacevoli episodi che hanno visto alcuni migranti che vivono nel nostro Comune compiere atti vandalici, l’associazione Don Bosco 2000 precisa che nessuno dei migranti coinvolti in questi eventi è in accoglienza presso le proprie strutture.

Questa precisazione è d’obbligo vista la tendenza a fomentare umori xenofobi che mirano ad inappropriate generalizzazioni. Gli episodi, che sembrano siano riconducibili a un paio di migranti, rischiano in maniera preoccupante di ricadere sui tantissimi altri giovani migranti che vivono nel nostro territorio nel pieno rispetto delle regole dell’integrazione e della convivenza.


Da anni l'associazione si occupa di accoglienza ed integrazione dei migranti nel territorio ennese, con un duro lavoro svolto da uno staff estremamente qualificato, che segue i migranti nei percorsi di prima e seconda accoglienza. Più volte l'associazione è stata individuata dal Servizio Centrale del Ministero dell’Interno, come modello di buona accoglienza, attraverso le buone prassi che si portano avanti con l’alfabetizzazione, la formazione professionale, e soprattutto la grande rete di contatti con le associazioni e le istituzioni del terzo settore. Solo così è possibile fare un’accoglienza vera ed efficace. “La nostra associazione è da sempre impegnata in prima fila per far passare un messaggio chiaro di rispetto delle regole – dichiara la coordinatrice dello SPRAR di Piazza Armerina, Dott.ssa Samantha Barresi – I migranti che ospitiamo sanno che ci sono delle regole fondamentali, in primis quella del rispetto per il territorio che accoglie. Le porte del centro collettivo “Ostello del Borgo” chiudono a mezzanotte e tutti i migranti hanno l’obbligo della firma. In passato c’è stato qualche episodio di violazione del contratto di accoglienza, e la nostra associazione ha immediatamente attuato la revoca dell’accoglienza, in perfetta sintonia con le autorità competenti”. 

Chi sono

Qualcuno, di cui non ho molta stima, mi chiama "Architetto di Dio". La cosa, però, mi piace. Dicono che sono un architetto eclettico ed un pò anomalo. Il mio lavoro è a metà tra i restauri ed il turismo. Sono cooperatore salesiano e amo Don Bosco. Sono sposato con Cinzia che amo. Abbiamo tre figli, Gabriele Samuele e Gaia. Se vuoi scrivermi ecco la mail architettodidio@gmail.com


___________


"Il senso di inquietudine mi insegue sempre e quando mi pare di aver colto una certezza ricado nell'assoluto smarrimento. Mi chiedo: sono al posto giusto, al momento giusto? Boh! che casino è la VITA e quanto doloroso è questo cammino di scoperta dell'Assoluto che c'è in noi!"

TUTTI GLI ARTICOLI